L’intervento di blefaroplastica si esegue in anestesia locale o anestesia locale con sedazione.

Si distingue nelle seguenti tipologie:

  • La blefaroplastica superiore che consiste nell’asportazione dell’eccesso di pelle che si forma con il passare del tempo al di sopra dell’occhio. La rimozione della pelle determina la formazione di una cicatrice che rimane all’interno della piega palpebrale. Già il giorno dopo l’intervento si può tornare alla normale vita quotidiana.
  • La blefaroplastica inferiore consiste nell’asportazione delle antiestetiche borse adipose che si trovano al di sotto degli occhi e possono comparire dopo una certa età, ma che in alcuni pazienti possono essere presenti fin da giovani. La rimozione delle borse può avvenire attraverso un taglietto al di sotto del bordo della palpebra inferiore con il risultato di una cicatrice poco visibile già dopo una o due settimane.

Nelle persone giovani si può eseguire la blefaroplastica transcongiuntivale che consiste nell’asportazione delle borse palpebrali attraverso un taglietto eseguito all’interno della congiuntiva per cui al termine dell’intervento non vi sono cicatrici esterne visibili.

La successiva retrazione della cute in eccesso può essere favorita da successivi peeling chimici molto leggeri. Il tempo di recupero è di circa una settimana durante il quale si assiste al riassorbimento dei lividi che si possono formare al di sotto degli occhi.

Il paziente in 2-3 giorni torna alla sua normale attività quotidiana.

Hai delle domande?
Scrivici un messaggio.

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo telefono
Inserisci la tua email
Inserisci il messaggio
Leggi e accetta l'informativa
Il tuo messaggio è stato inviato correttamente
Si è verificato un problema
Contattaci